Invalidità Civile

Dall'articolo 38 della Costituzione italiana, che garantisce il diritto al mantenimento e all'assistenza sociale «a tutti i cittadini inabili al lavoro e sprovvisti dei mezzi necessari per vivere».

La domanda

Si divide in due parti, la prima relativamente alla richiesta sanitaria viene fatta dal medico curante tramite l'invio del certificato modello telematico per l'invalidità civile, la seconda necessaria per ottenere la visita presso l e ASL competenti o direttamente alla sede INPS (nelle province dove è in corso il regime sperimentale come la provincia di Verona) va presentata attraverso il servizio online tramite PIN. In caso di minore va utilizzato il suo codice PIN e non quello del genitore o tutore. In alternativa, è possibile presentare la domanda tramite il patronato o un’associazione di categoria dei disabili (ANMIC, ENS, UIC, ANFASS).

Documenti necessari per la presentazione della domanda presso il patronato INCA

  • Carta d'identità e codice fiscale (tessera sanitaria blu)
  • Certificato medico telematico (mod. C o D) inviato dal medico curante (indispensabile e completo di tutte le pagine)
  • Nel caso di minori: 
    • Carta d'identità e codice fiscale (tessera sanitaria blu) di un genitore
  • Nel caso di incapaci :
    • Carta d'identità e codice fiscale (tessera sanitaria blu) del tutore, amministratore di sostegno
    • Fotocopia dell'atto di nomina del giudice
AVVISO dal 01/01/2019 è cambiata la proceduta telematica per l'invio delle domande per i cittadini con 67 anni o maggiore, in questo caso oltre ai documenti succitata si dovranno portare:
  • Stato civile (coniugato/a, vedovo/a, separato/a) con data di variazione stato civile
    • se coniugato dati anagrafici e codice fiscale del coniuge
  • IBAN c/c, libretto, ... se pensionato deve essere lo stesso dove va la pensione
    • se postale, anche frazionario o ufficio dove è stato aperto
  • se ricoverato all'atto della domanda dati della struttura e se è a titolo gratuito o a pagamento
  • assunzione di responsabilità firmata
  • Per le domande di cieco civile, anche i redditi (diversi da pensione) del titolare e del coniuge se sposato/a

Una volta fatta la visita, verranno spediti a casa i verbali con le valutazioni della commissione medica, nel caso sia stata riconosciuta un'indennità (frequenza, accompagnamento, invalidità civile, sordità o cecità) si dovrà completare la domanda inviando i dati socio-economici e reddituali per la concessione
delle prestazioni economiche (AP70).

Riconoscimenti

Con la domanda di invalidità civile si possono chiedere varie valutazione e prestazioni, le voci che si trovano sul certificato sono:
  • Invaldità Civile (vedi sotto)
  • Sordità - riconosciuta ai sordi dalla nascita o entro i 12 anni (età evolutiva)
  • Cecità - può essere totale o parziale con residuo visivo non superiore a un ventesimo in entrambi gli occhi con eventuale correzione (ciechi ventesimisti)
  • Handicap - L.104 ha 3 gradi di riconoscimento:
    • non invalido,
    • handicap art.3 comma 1
    • handicap grave art. 3 comma 3, quest'ultimo permette la richiesta dei permessi per l'invalido o ad un familiare per assisterlo
  • Disabilità (collocamento mirato) - L.68 per l'iscrizione alle liste speciali di collocamento se viene riconosciuta una percentuale del 46% o superiore.

invalidità civile

è il riconoscimento più complesso  e oltre a dipendere dal riconoscimento sanitario dipende anche dall'età del soggetto
Il grado minimo per la qualifica di invalido civile è di un terzo (33%) della riduzione permanente di capacità lavorativa, determinato da una tabella approvata con decreto del Ministro della Sanità del 5 febbraio 1992
  • L'indennità di accompagnamento può essere riconosciuta a tutte le età, se il soggetto è impossibilitato a deambulare senza l’aiuto di un accompagnatore oppure non è in grado di compiere gli atti quotidiani della vita senza assistenza continua, ed indentifica un grado di invalidità superiore al 100%, l'importa dell'indennità viene corrisposto per 12 mensilità ed al 2017 corrispondeva a 515.47 €.
  • fino ai 18 anni può venire riconosciuta l'indennità di frequenza, per i minori con difficoltà persistenti a svolgere i compiti e le funzioni proprie dell'età e corrisponde all'importo dell'assegno mensile di assistenza, con gli stessi limiti di reddito.
  • dai 18 anni fino ai 65 anni e 7 mesi (limite soggetto all'aumento di aspettativa di vita) viene attribuito una percentuale di invalidità civile dal 34 al 100%, con una percentuale di invaldiità del 74% o superiore viene riconosciuta l'indennità per 13 mensilità con un importo mensile di 279,47 € per l’anno 2017 e dipendente dal reddito personale;
    •  dal 74 al 99%, si chiama assegno mensile di assistenza ed il limite di reddito è di 4.800,38 € prt il 2017
    • con il 100% si ha la pensione di inabilità civile ed il limite di reddito è di 16.532,10 € per il 2017, nei casi più gravi può venire riconosciuta contemporaneamente anche l'indennità di accompagnamento
  • sopra i 65 anni e 7 mesi può venire riconosciuta solo l'indennità di accompagnamento