Disoccupazioni Agricole

flai-cgil-vr-banner-per-ds-agricole.png







DISOCCUPAZIONE AGRICOLA 2019
Ci pensa Flai Cgil
 
Vogliamo fornire alcune semplici informazioni rivolte ai lavoratori agricoli per beneficiare dell’indennità di disoccupazione per le giornate lavorate nell’anno 2019.
E’ importante ricordare che la domanda di disoccupazione agricola si deve presentare telematicamente entro il 31 marzo 2020 pena la perdita del diritto.
Invitiamo pertanto i lavoratori agricoli a passare dai nostri uffici diffusi in tutta la provincia ( vedi elenco )per controllare il diritto e per compilare la domanda.
Inoltre, nei nostri uffici potranno essere verificate  le condizioni per ricevere le integrazioni economiche per malattia o infortunio corrisposte su domanda da AGRI.BI. oppure i contributi per l’iscrizione dei figli all’asilo nido,  alla scuola dell’infanzia o scuola media e università.
Il Fondo AGRI.BI. eroga anche rimborsi per le spese sanitarie sostenute dai lavoratori fino a un massimo di € 350,00.
 

 COS'È

L’indennità di disoccupazione agricola è l’indennità pagata dall’Inps ai lavoratori agricoli che hanno perso involontariamente il posto di lavoro o a cui non è stato rinnovato il contratto.Può essere richiesta fino al 31 marzo dell’anno successivo a quello di licenziamento o fine contratto.
L’indennità spetta per un numero di giornate pari a quelle lavorate entro il limite massimo di 365 (366) giornate annue dalle quali si dovranno detrarre:

le giornate di lavoro dipendente agricolo e non agricolo
le giornate di lavoro in proprio
le giornate indennizzate ad altro titolo (es: malattia, maternità infortunio etc.)
le giornate non indennizzabiliL’importo è il 40% della retribuzione di riferimento.
Se in possesso dei requisiti richiesti, il lavoratore può richiedere, unitamente alla disoccupazione agricola, il pagamento degli assegni familiari.
 

CHI NE HA DIRITTO

Hanno diritto alla disoccupazione agricola:
  • gli operai agricoli a tempo indeterminato
  • gli operai agricoli a tempo determinato
  • i piccoli coloni
  • i compartecipanti familiari
  • i piccoli coltivatori diretti che hanno versato volontariamente fino a 51 giornate di iscrizione negli elenchi nominativi agricoli

Gli operai agricoli a tempo indeterminato che lavorano solo per un certo periodo dell’annoInoltre i lavoratori agricoli sopraindicati devono avere:
l’iscrizione negli elenchi nominativi dei lavoratori agricoli dipendenti, per l’anno cui si riferisce la domanda o un rapporto di lavoro agricolo a tempo indeterminato per parte dell’anno di competenza della prestazione almeno due anni di anzianità nell’assicurazione contro la disoccupazione involontariaalmeno 102 contributi giornalieri nel biennio costituito dall’anno cui si riferisce l’indennità e dall’anno precedente.
Possono essere utilizzati, per raggiungere i 102 contributi, anche quelli figurativi relativi a periodi di maternità obbligatoria e congedo parentale, compresi nel biennio utile.

DOCUMENTI NECESSARI   e  INFORMAZIONI   RICHIESTE
  • Carta d’identità e codice fiscale del richiedente ( fotocopia fronte retro ).
  • Codice IBAN certificato dalla Banca o dalla Posta sul modello Inps SR 163 - scarica modulo- (soltanto se è il primo anno in cui si fa la domanda o se si è cambiato IBAN comunicato nella disoccupazione precedente).
  • Ultima busta paga ( fotocopia ). 
  • Permesso di soggiorno e passaporto ( fotocopia ) per i lavoratori extracomunitari se hanno soggiornato all’estero per più di un mese. 
  • Per chi è sposato deve indicare la data di matrimonio e Codice Fiscale del coniuge o data di separazione o divorzio. 
  • Ultima busta paga ( fotocopia ) e indicare il numero delle giornate lavorate nel 2019
 
INOLTRE  SE AVETE DIRITTO AGLI ASSEGNI FAMILIARI  (ANF)
  • Redditi di percepiti nel 2018 e nel 2017 ( CU, 730, Unico )
  • Codici fiscali di tutti i componenti il nucleo familiare
  • Per i non coniugati documentazione per autorizzazione ANF 43