Bonus mamma (Premio alla nascita)

legge n. 232/2016 c. 353 (legge di Bilancio 2017)
 

L’importo dell’assegno è di 800 euro, viene corrisposto dall’INPS per la nascita o l’adozione di un minore, a partire dal 1° gennaio 2017, su domanda della futura madre al compimento del settimo mese di gravidanza (inizio dell’ottavo mese di gravidanza) o alla nascita, adozione o affido.

Le modalità di pagamento previste sono:

  • bonifico domiciliato presso ufficio postale;
  • accredito su conto corrente bancario;
  • accredito su conto corrente postale;
  • libretto postale;
  • carta prepagata con IBAN.

Per tutti i pagamenti, eccetto bonifico domiciliato presso ufficio postale, è richiesto il codice IBAN.

In caso di richiesta di accreditamento su coordinate IBAN è necessario si deve compilare, far timbrare e firmare dalla banca o  posta il modello SR163 che dovrà poi essere allegato alla domanda o inviato all'inps

Requisiti

Le interessate devono possedere la residenza in Italia e/o la cittadinanza italiana o comunitaria .
Le cittadine non comunitarie, invece, devono essere in possesso del permesso di soggiorno UE per lunghi periodi, di cui all’articolo 9, decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286 oppure di una delle carte di soggiorno per familiari di cittadini UE previste dagli artt. 10 e 17, decreto legislativo 6 febbraio 2007, n. 30,

La domanda deve essere presentata dopo il compimento del settimo mese di gravidanza e comunque, improrogabilmente entro un anno dal verificarsi dell’evento (nascita, adozione o affidamento).

Documenti necessari

  • Carta di identità

  • Codice fiscale (preferibile tessera sanitaria blu)

  • Copia del permesso di soggiorno ue per soggiornanti di lungo periodo ovvero carte di soggiorno per familiari extracomunitari di cittadini ue
    (con ordinanza 6019/2017 del 12/12/2017 il tribunale di Milano ha ordinato all'inps di estendere il benificio a tutte le future madri, anche non titolari di carta di soggiorno, si è in attesa di modfiiche alle procedure telematiche)

  • Modello sr163 per l’accredito su conto corrente bancario o postale compilato e firmato in banca/posta

    • Se la domanda è fatta prima del parto (la domanda può essere presentata massimo due mesi prima dello parto) certificato medico (da agosto 2017) solo telematico con data presunta del parto (Circ INPS 82 del 04/05/2017)

    • se il bambino/a è già nato codice fiscale del figlio/a

    • se è adozione nazionale: si devono indicare tipologia, numero, data del provvedimento e autorità che lo ha emesso tipologia del provvedimento; numero del provvedimento; data del provvedimento; autorità che ha emesso il provvedimento) e allegare copia digitalizzata del provvedimento

    • se è adozione internazionale:
      • provvedimento di adozione o affidamento emesso dell'autorità competente
      • certificato dell'ente autorizzato a curare la procedura di adozione da cui risulti la data di effettivo ingresso in famiglia;
      • per adozioni internazionali: autorizzazione all'ingresso del minore in Italia rilasciata dalla Commissione per le Adozioni Internazionali - CAI (numero dell'autorizzazione; data dell'autorizzazione) ovvero il numero e la data dell’autorizzazione
      • adozione pronunciata nello stato estero: provvedimento di trascrizione nei registri dello stato civile del provvedimento di adozione emesso dallo stato estero

Fonte
Legge di Bilancio 2017
Circolare INPS 214 del 06/12/2016
Circolare INPS 78 del 28/04/2017
Notizia 15/12/2017 - chiarimenti ordinanza del Tribunale di Milano
Scheda INPS